Automodellismo.Net il portale degli automodellisti
 Home  Registrati  News  Forum  Download  Mappa 
Regolamenti La storia Dai lettori Off Road/Rally/Moto 
Ricerca
 
  
Automodellismo
 Automodellismo.net
 Risorse On Line
 L'automodellismo
 Interviste
 Editoriali
 La redazione
On Road a Scoppio
 Classic / Rigida
 Competizioni 1/10
 Competizioni 1/5
 Competizioni 1/8
 Modelli 1/10 Pista
    Serpent 705
 Modelli 1/5
 Modelli 1/8 Pista
L'angolo Tecnico
 I segreti delle miscele
 Il radiologo
 Dizionario Tecnico
 Carrozzerie
 Il gommista
 Il motorista
 Il telaista
Elettrico
 Slot
 1/12
 Off Road 1/10
 Mini 1/24 e Micro 1/18
 1/10 Touring 190mm
Newsletter

media/News4.gif 
Iscriviti alla nostra Newsletter Gratuita

News

    media/News5.gif   

Collaboratori
Automodellismo.net cerca collaboratori per completare la redazione; contattare la redazione
Login
 
 
 
  

 Password dimenticata?
Ora sei in: On Road a Scoppio > Modelli 1/10 Pista > Test Mugen MTX4: 3° Parte
Modelli 1/10 Pista
Test Mugen MTX4: 3° Parte
Affrontiamo il retrotreno e diamo una rapida occhiata agli ammortizzatori.


Test Mugen Mtx4 Cristofori
Un braccetto posteriore inferiore della MTX3 (a sinistra) paragonato a quello nuovo della MTX4.
E' subito evidente il diverso disegno, alla ricerca di una maggiore rigidità e robustezza,
ma soprattutto l'aumento notevole della lunghezza che va a conpensare il restringimento del telaio.
I nuovi braccetti maggiorati consentono una geometria decisamente più "racing" con notevoli vantaggi
in accelerazione, ma anche nei tratti veloci con maggiore precisione e sensibilità ai giochi di "gas".


Test Mugen Mtx4 Cristofori
Attraverso inserti asimmetrici è possibile montare i bracci inferiori delle sospensioni posteriori
in 3 diverse posizioni (altezze) sia anteriormente che posteriormente.
Questo consente di avere un diverso recupero, di "giocare" diversamente sulle altezze da terra,
ma anche di provare effetti "antisquat" con soluzioni asimmetriche (alto/basso). 


Test Mugen Mtx4 Cristofori
Particolare degli inserti: basso, medio, alto.

Test Mugen Mtx4 Cristofori
I barcci inferiori della sospensione posteriore sono fissati direttamente al telaio (vedi sopra)

Test Mugen Mtx4 Cristofori
Il freno rimane a camma con singolo disco e doppia pastiglia metallo/ferodo.
Adesso però la "pinza" è posta inferiormente per guadagnare spazio, ma soprattutto per abbassare le masse.

Test Mugen Mtx4 Cristofori
Fra le due pastiglie, sulle viti di fissaggio, un piccolo pezzo di tubo della miscela fa da "molla di ritorno"

Test Mugen Mtx4 Cristofori
I barilotti posteriori: classico fissaggio con doppia sfera inferiormente e vite superiore.

Test Mugen Mtx4 Cristofori
Il retrotreno inizia a prendere forma con il cambio a 2 marce che sembra decisamente "dimagrito"
rispetto alla versione precedente. Anche il passo delle corone è ora quello "stretto".
Notate lo spazio in cui si inserirà alla perfezione il differenziale.

Test Mugen Mtx4 Cristofori
Come all'anteriore, anche al posteriore troviamo i cuscinetti del differenziale imboccolati su
 eccentrici in modo dai regolare la tensione della cinghia di trasmissione


Test Mugen Mtx4 Cristofori
Il semigusci superiore del retrotreno, che bloccherà in sede il differenziale, incorpora
i bracci superiori (tiranti) e i suppporti degli ammortizzatori e della carrozzeria.

Test Mugen Mtx4 Cristofori
Il retrotreno con il semiguscio superiore che chiude il complesso della trasmissione.

Test Mugen Mtx4 Cristofori
Ed ecco il retrotreno completato con barra antirollio (da 2,1 millimetri), barilotti, mozzi, ruote e braccio del freno.

Test Mugen Mtx4 Cristofori
Il supporto centrale della piastra radio assolve ad almeno 4 funzioni diverse:
- supporta la piastra radio (altrimenti perchè chiamarlo così???)
- serve da ancoraggio per il tendicinghia regolabile laterale in carbonio
- ospiterà il rollbar
- consentirà di fissare la batterie tramite quelle due orecchiette in basso al centro
La forma inoltre consente di ospitare il serbatoio alla ricerca dell'ottimizzazione dello spazio


Test Mugen Mtx4 Cristofori
Gli ammortizzatori sono abbastanza classici, semplici e molto molto efficaci.
Corpo filettato in alluminio. Pistone in acciaio. disco in teflon.
Doppio O-ring di tenuta alternato a rondelle di teflon.

 StampaStampaEmail Invia ad un amicoOpinione Dai la tua opinionePreferiti Preferiti
 

Suggerimenti
Colui che non vuole fare niente, sempre trova una scusa; colui che vuole fare qualcosa sempre trova il modo.
- Proverbio Arabo -
Copyright 2005 © IT Information Technologies P.IVA 01550740383 - All rights reserved - Powered by IT - Information Technologies

Privacy Policy