Automodellismo.Net il portale degli automodellisti
 Home  Registrati  News  Forum  Download  Mappa 
Regolamenti La storia Dai lettori Off Road/Rally/Moto 
Ricerca
 
  
Automodellismo
 Automodellismo.net
 Risorse On Line
 L'automodellismo
 Interviste
 Editoriali
 La redazione
On Road a Scoppio
 Classic / Rigida
 Competizioni 1/10
 Competizioni 1/5
 Competizioni 1/8
 Modelli 1/10 Pista
 Modelli 1/5
 Modelli 1/8 Pista
L'angolo Tecnico
 I segreti delle miscele
 Il radiologo
 Dizionario Tecnico
 Carrozzerie
 Il gommista
 Il motorista
 Il telaista
Elettrico
 Slot
 1/12
 Off Road 1/10
 Mini 1/24 e Micro 1/18
 1/10 Touring 190mm
Newsletter

media/News4.gif 
Iscriviti alla nostra Newsletter Gratuita

News

    media/News5.gif   

Collaboratori
Automodellismo.net cerca collaboratori per completare la redazione; contattare la redazione
Login
 
 
 
  

 Password dimenticata?
Ora sei in: Regolamenti > UISP > Regolamento Rally Cross
UISP
Regolamento Rally Cross
Il rally corso con auto da fuoristrada "pure"; ecco l'uovo di Colombo, la categoria sperimentale (Campionato regionale Toscana) ideata da Rodolfo Calistri.    
REGOLAMENTO RALLY CROSS 2007/2008

4. SPECIFICHE TECNICHE AUTOMODELLO BUGGY 1:8 RALLY CROSS
4.1 DEFINIZIONE DI AUTOMODELLO

4.1.1 L’automodello è una riproduzione in scala 1:8 di una autovettura mosso dalla trazione cardanica di quattro ruote messe
         in movimento da motore a combustione interna di tipo a pistone .
4.2 DIMENSIONI GENERALI E PESO MODELLI A QUATTRO RUOTE MOTRICI (4WD)
4.2.1 a) Lunghezza tutto compreso 730 mm
         b) Larghezza tutto compreso 310 mm
         c) Passo  270,00 - 330 mm
         d) Altezza – incluso il roll-bar , con le sospensioni compresse ed esclusa l’antenna della ricevente 250mm
4.3 MOTORE
4.3.1 Il motore deve essere a combustione interna con una cilindrata massima pari a 3,5 cc .
4.4 MISCELA
4.4.1 La miscela deve contenere unicamente metanolo, olio lubrificante e nitrometano .
4.5 SERBATOIO
4.5.1 Il serbatoio può avere una capacità massima di 125 ml compreso filtro e tubo di collegamento al carburatore. 4.5.2 La capacità del serbatoio non può essere corretta con l’uso di parti mobili .
4.6 SILENZIATORE
4.6.1 Tutti i modelli devono essere equipaggiati con una marmitta di scarico silenziata omologata EFRA .
4.7 GOMME
4.7.1 Le gomme sono libere fuoristrada o rally .
4.8 CARROZZERIA
a) i modelli devono essere una semiriproduzione delle macchine usate nel fuoristrada
desert o trial .
c) aperture possono essere praticate nella carrozzeria per permettere il rifornimento e poter accedere
all’interruttore radio ed allo e/o agli spilli del carburatore ed alla candela del motore .
d) nella esecuzione delle varie aperture si deve fare in modo che la luce fra esse ed i vari particolari sia il
minimo indispensabile .
4.9 ALETTONE
4.9.1 Può essere utilizzato un alettone dalle seguenti dimensioni :
- lunghezza massima tutto compreso 217,00 mm
- larghezza massima tutto compreso 77,00 mm
4.10 BARRE DI TORSIONE
4.10.1 Le barre di torsione devono avere i punti di attacco inferiore e superiore posizionati come da scatola di montaggio.
Diametro massimo consentito 3,5 mm, sono vietate le barre a coltello.
4.11 PIANALE
4.11.1 Il pianale anche se in optional deve essere nelle dimensioni uguale a quello fornito nella scatola di montaggio, spessore massimo consentito 4mm.
4.12 AMMORTIZZATORI
4.12.1 L’attacco degli ammortizzatori sul braccio inferiore della sospensione deve rimanere nei fori originali.
4.12.2 Molle ammortizzatori diametro massimo del filo mm. 1,8
4.13 DIFFERENZIALI
4.13.1 I differenziali devono essere tre e tutti funzionanti. (anche thorsen)
4.13.2 Sono vietati i differenziali bloccati, scatti liberi  e palo rigido, è ammesso soltanto differenziali a satelliti e planetari induribili con olio.
4.14 PILOTI
4.14.1 Sono ammessi tutti i piloti di cat. f1 – f2 -
4.15  BATTERIE
Le batterie  sono di 5  minuti
4.16 FRIZIONI
4.16.1 Le frizioni sono libere è vietata la frizione regolabile.
4.17 BRACCETTI
4.17.1 Sono ammessi soltanto braccetti delle sospensione in materiale plastico forniti dalla ditta costruttrice.
4.18 AUTOMODELLI
4.18.1 Sono ammessi  tutti i modelli fuoristrada in libero commercio venduti dalle ditte costruttrici (no autocostruiti)
4.19 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO
4.19.1 Ogni pilota deve avere in caso di verifica le istruzioni di montaggio del modello.
4.19.2 In caso di reclamo fara fede le istruzioni di montaggio.
4.20 REGOLAMENTO
4.20.1 Per quello non scritto fa fede il Regolamento  UISP  Fuoristrada
4.20.2 Essendo una categoria promozionale si riserva il diritto di modifiche al Regolamento anche a Campionato in corso nel caso vi fossero modifiche ai modelli che stravolgono lo spirito della categoria.
4.21 PIASTRA RADIO
4.21.1 La piastra radio è libera nella forma e nella posizione.
4.23 PREMAZIONI
4.23.1 Per il Campionato Regionale:
da parte degli organizzatori con obbligo di premiazione per i primi 5 della Finale

 GARE NAZIONALI

L'iscrizione alla gara deve essere effettuata direttamente agli Organizzatori, a mezzo fax o e-mail, salvo diversa forma specificata nel volantino di presentazione della gara, entro le ore 12.00 del giovedì antecedente la manifestazione.
Il circuito per le gare a carattere Nazionale dovrà essere disponibile per le prove dal sabato precedente la gara.

Al momento dell’iscrizione si deve dare il nome e cognome
e  frequenza esatta perchè  non sarà più possibile modificarla.


Ogni batteria dovrà disputare 4 manche, la durata di ogni singola manche dovrà essere di 5 minuti, con partenza efra

Per tutte le categorie, la durata della Finale può essere di Max 45 minuti; le rimanenti fasi finali di recupero di Max 20 minuti.

I primi 14 Piloti della classifica redatta dopo le prove di qualificazione, andranno direttamente nelle due semifinali sulla base delle posizioni pari e dispari di detta classifica (Semifinale "A": Classificati dispari - Semifinale "B": Classificati pari).
Gli altri Piloti verranno ripartiti, con lo stesso criterio, nelle fasi finali di recupero previste.

I primi tre piloti classificati di ogni fase finale di recupero accederanno alla fase finale successiva, mentre dalle due semifinali accederanno alla finale i primi 5 classificati.
Il Concorrente che rinuncia o non si presenta a disputare una qualsiasi fase finale, non potrà essere sostituito da altro Concorrente.

La classifica finale della gara sarà stilata in base alle classifiche delle varie fasi finali disputate.

QUALIFICAZIONI:

Le prove di qualificazione dovranno avere il seguente ordine di partenza:
Prima Manche, in ordine progressivo crescente dalla prima batteria all'ultima batteria,
1a, 2a, 3a, 4a, 5a, 6a, 7a, 8a, 9a, 10a, 11a, 12a,13a e 14a.
Seconda Manche:
4a, 5a, 6a, 7a, 8a, 9a, 10a, 11a, 12a, 13a,14a, 1a, 2a e 3a.
Terza Manche:
7a, 8a, 9a, 10a.11a, 12a, 13a, 14a, 1a, 2a, 3a, 4a, 5a e 6a.
Quarta Manche:
10a, 11a, 12a, 13a, 14a, 1a, 2a, 3a, 4a, 5a, 6a, 7a, 8a e 9a.
Quinta Manche, dall'ultima batteria in ordine progressivo decrescente:
14a, 13a, 12a,11a, 10a, 9a, 8a, 7a, 6a, 5a, 4a, 3a, 2a e 1a.
Nel caso in cui il numero delle batterie fosse diverso da 14 ed il numero delle manches diverso da cinque, l'inversione di partenza delle batterie di qualificazione deve sempre avvenire rapportando il numero di batterie totale al numero di manches programmate. Si ottiene cosi, eventualmente approssimando per eccesso, il numero di batterie da scaglionare per le partenze successive alla prima manche tenendo presente che l'ultima manche deve essere disputata con partenza delle batterie "inversa" alla prima manche (es. 8 batterie - 4 manches > 8 /4=2 quindi 1° manche > 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 - 2° manche > 3, 4, 5, 6, 7, 8, 1, 2 - 3° manche > 5, 6, 7, 8, 1, 2, 3, 4 - 4° manche > 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1).

Il numero di manches da far disputare ai concorrenti nelle gare di Campionato Italiano è di 4 (quattro). Il Direttore di Gara, può decidere l'eventuale aumento o riduzione delle manches da disputarsi, tale riduzione non può portare alla disputa di un numero di manches inferiore a tre. Il numero di manches da ritenersi valido ai fini della qualifica deve essere regolato nel modo seguente:
Manches da disputare
Manches valide
3
4
5
6
2
2
3
4
tabella seguente).
Per la determinazione della classifica generale risultante dalle prove di qualificazione verranno presi come "validi" e sommati i migliori punteggi, relativi ad ogni concorrente, ottenuti. In base al totale della somma del punteggio ottenuto si ottiene la classifica finale delle batterie. A parità di punteggio si considererà il successivo e cosi via fino al termine dei punteggi da analizzare; in caso d'ulteriore parità si considererà la miglior prova effettuata in base alla prestazione (giri/tempo).

TABELLA DEL PUNTEGGIO DI UNA SINGOLA SERIE DI QUALIFICAZIONE
200
191
17°
183
25°
175
198
10°
190
18°
182
26°
174
197
11°
189
19°
181
27°
173
196
12°
188
20°
180
28°
172
195
13°
187
21°
179
29°
171
194
14°
186
22°
178
30°
170
193
15°
185
23°
177
31°
169
192
16°
184
24°
176
32°
168
IL PUNTEGGIO CONTINUA FINO AL TERMINE DEI CLASSIFICATI RIDUCENDO DI 1 PUNTO PER OGNI POSIZIONE
FASI FINALI:

Al termine delle prove di qualificazione (manches), dovrà essere redatta una classifica in base al totale della somma del punteggio ottenuto.
I primi 14 Piloti della classifica redatta dopo le prove di qualificazione, andranno direttamente nelle due semifinali sulla base delle posizioni pari e dispari di detta classifica (Semifinale "A": Classificati dispari - Semifinale "B": Classificati pari).
Gli altri Piloti verranno ripartiti, con lo stesso criterio, nelle fasi finali di recupero previste.
Il Concorrente che rinuncia e/o non si presenta a disputare una qualsiasi fase finali, non potrà essere sostituito da altro Concorrente.
I primi tre piloti classificati di ogni fase finale di recupero accederanno alla fase finale successiva, mentre dalle due semifinali accederanno alla finale i primi 5 classificati.
L'ordine di disputa delle fasi finali è prima la "B" a seguire la "A".
Dovranno essere svolte sempre le fasi di gara A e B distinte anche nel caso in cui i concorrenti totali per le due fasi sono meno di 10.

 PENALIZZAZIONI:

Per partenza considerata irregolare e anticipata dal Direttore di Gara, verrà applicata una penalizzazione di 10 secondi.
Per tutte le altre infrazioni (taglio di pista, uscita scorretta dai box, ecc.) comminate dal Direttore di Gara, vi sarà una penalizzazione di 20 secondi.
Nelle qualificazioni le penalizzazioni sono aggiunte al tempo impiegato nella migliore prestazione.
Nelle fase finale le penalizzazioni vanno eseguite con il metodo STOP AND GO.
Il Pilota penalizzato deve rientrare entro tre giri, dalla segnalazione dello speaker, con il proprio automodello al box riservato alla penalizzazione.

Il modello sarà mantenuto sollevato per tutto il tempo di penalizzazione, durante il quale è proibito qualunque tipo di intervento compreso il rifornimento.

 NORME DI SCUREZZA

I raccoglitori devono essere muniti di guanti protettivi per ridurre al minimo il rischio di ferirsi nel caso entrassero in contatto con le parti calde od in movimento del modello.
 
 GARE REGIONALI

 
L'iscrizione alla gara deve essere effettuata direttamente agli Organizzatori, a mezzo telefono - fax - o e-mail, salvo diversa forma specificata nel volantino di presentazione della gara, entro le ore 12.00 del giorno  antecedente la manifestazione.
Il circuito per le gare a carattere REGIONALE dovrà essere disponibile per le prove dal sabato pomeriggio per i circuiti  fatti su piazzale.

Al momento dell’iscrizione si deve dare il nome e cognome e  frequenza esatta perché  non sarà più possibile modificarla.
 
Ogni batteria dovrà disputare 3 manche, la durata di ogni singola manche dovrà essere di 5 minuti, con partenza efra

Per tutte le categorie, la durata della Finale può essere di Max 30 minuti; le rimanenti fasi finali di recupero di Max 20 minuti.

I primi 14 Piloti della classifica redatta dopo le prove di qualificazione, andranno direttamente nelle due semifinali sulla base delle posizioni pari e dispari di detta classifica (Semifinale "A": Classificati dispari - Semifinale "B": Classificati pari).
Gli altri Piloti verranno ripartiti, con lo stesso criterio, nelle fasi finali di recupero previste.

I primi tre piloti classificati di ogni fase finale di recupero accederanno alla fase finale successiva, mentre dalle due semifinali accederanno alla finale i primi 5 classificati.
Il Concorrente che rinuncia o non si presenta a disputare una qualsiasi fase finale, non potrà essere sostituito da altro Concorrente.
La classifica finale della gara sarà stilata in base alle classifiche delle varie fasi finali disputate.
 Sospensioni tecniche possono essere chieste solo nella Finale  e  semifinale
Il punteggio finale viene fatto dopo la classifica di tutte le finali
  1° Class. 400 11° Class. 150 21° Class. 82 31° Class. 62 41° Class. 42 51° Class. 22
  2° Class. 370 12° Class. 140 22° Class. 80 32° Class. 60 42° Class. 40 52° Class. 20
  3° Class. 340 13° Class. 130 23° Class. 78 33° Class. 58 43° Class. 38 53° Class. 18
  4° Class. 310 14° Class. 120 24° Class. 76 34° Class. 56 44° Class. 36 54° Class. 16
  5° Class. 280 15° Class. 110 25° Class. 74 35° Class. 54 45° Class. 34 55° Class. 14
  6° Class. 250 16° Class. 100 26° Class. 72 36° Class. 52 46° Class. 32 56° Class. 12
  7° Class. 220 17° Class.   96 27° Class. 70 37° Class. 50 47° Class. 30 57° Class. 10
  8° Class. 200 18° Class.   92 28° Class. 68 38° Class. 48 48° Class. 28 58° Class.   8
  9° Class. 180 19° Class.   88 29° Class. 66 39° Class. 46 49° Class. 26 59° Class.   6
10° Class. 160 20° Class.   84 30° Class. 64 40° Class. 44 50° Class. 24 60° Class.   4
dal 61° Classificato in poi 1(uno) punto


 StampaStampaEmail Invia ad un amicoOpinione Dai la tua opinionePreferiti Preferiti
 

Suggerimenti
L'uomo è veramente se stesso quando gioca. 
Friedrich Schelling
    Archivio
  1. www.Modellismo.it 
  2. Comunicato Commissione Tecnica Real Rally (UISP) 
  3. Riccardo D'Angelo è Campione Italiano Junior 1/8 Pista 
  4. Matteo Favaro Campione Italiano Senior 1/8 Pista 2008 
  5. Cristiani si laurea Campione Italiano Open 1/8 
  6. Campionato InterRegionale Centro Italia Real Rally UISP 2008 
  7. Programma Campionato Italiano 1/8 Pista 
  8. Calendari UISP 2005 
  9. Cosa cerchi? 
  10. Comunicato UISP - 30 Ottobre 2004 
  11. Tradii e Sabanelli Campioni Italiani MotoModelli 
  12. Campionati Italiani UISP 2004 1/8 Pista 
  13. Patrizio Rossi è Campione Italiano UISP 1/10 Touring 200mm 
  14. Campionati Italiani UISP 
  15. Aggiornamento regolamento UISP Moto Elettriche 
  16. Gentleman Off Road - UISP 2004 
  17. Gentleman Rally - UISP 2004 
  18. Gentleman 1/8 - UISP 2004 
  19. Gentleman 1/5 - UISP 2004 
  20. Gentleman 1/10 Touring 200 mm a scoppio – UISP 2004 
  21. Regolamento motomodelli 2004 UISP 
  22. Gentleman Off Road - UISP 2003 
  23. Gentleman Rally - UISP 2003 
  24. Gentleman 1/5 - UISP 2003 
  25. Gentleman 1/10 Touring 200 mm a scoppio – UISP 2003 
  26. Gentleman 1/8 - UISP 2003 
  27. Copyright 2005 © IT Information Technologies P.IVA 01550740383 - All rights reserved - Powered by IT - Information Technologies

    Privacy Policy