Automodellismo.Net il portale degli automodellisti
 Home  Registrati  News  Forum  Download  Mappa 
Regolamenti La storia Dai lettori Off Road/Rally/Moto 
Ricerca
 
  
Automodellismo
 Automodellismo.net
 Risorse On Line
 L'automodellismo
 Interviste
 Editoriali
 La redazione
On Road a Scoppio
 Classic / Rigida
 Competizioni 1/10
 Competizioni 1/5
 Competizioni 1/8
 Modelli 1/10 Pista
 Modelli 1/5
 Modelli 1/8 Pista
L'angolo Tecnico
 I segreti delle miscele
 Il radiologo
 Dizionario Tecnico
 Carrozzerie
 Il gommista
 Il motorista
 Il telaista
Elettrico
 Slot
 1/12
 Off Road 1/10
 Mini 1/24 e Micro 1/18
 1/10 Touring 190mm
Newsletter

media/News4.gif 
Iscriviti alla nostra Newsletter Gratuita

News

    media/News5.gif   

Collaboratori
Automodellismo.net cerca collaboratori per completare la redazione; contattare la redazione
Login
 
 
 
  

 Password dimenticata?
Ora sei in: Automodellismo > Automodellismo.net > Burch: 30 anni all'inseguimento della vittoria
Automodellismo.net
Burch: 30 anni all'inseguimento della vittoria
Da Indianapolis 1981 a Houston 2010. Molte gare, moltissimi chilometri, tante soddisfazioni e altrettante delusioni. Sempre alla ricerca della vittoria.

 

1981 – Campionati del Mondo IFMAR  a Indianapolis– Art Carbonell vince con la sua Delta motorizzata Picco, inutilmente inseguito dalla SG/OPS del nostro Tadiello. Al 10° posto della classifica molti notano un ragazzino un poco viziato che però è terribilmente veloce. È americano e si chiama Ralph Burch.
 Stiamo parlando di “ere geologiche fa”, di un periodo così remoto che nessun protagonista di allora (o quasi) è ancora nel mondo delle corse. La totalità dei piloti di quel periodo ha smesso. Moltissime marche non esistono più o hanno abbandonato la categoria (PB, Delta, SG, Associated,…) e buona parte delle case motoristiche attuali erano ancora lontane dal nascere (Novarossi, Sirio, MaxPower, Mega, …). Trent’anni sono moltissimi. Un’eternità.
Ralph Burch 1987
Ralph Burch negli anni '80
Ma il piccolo Ralph (allora 14enne) oltre che veloce era anche ostinato. Da allora ha infilato una serie di finali impressionanti: nel 1983 è 10°; nel 1985 è 6° (dopo il 2° tempo in qualifica); nel 1987 è 7°. Nel 1989 sfiora il titolo (2° dietro a Collari). Ne 1991 e nel 1995 è due volte decimo. Nel 1999 e nel 2003 è per due volte nono. Ormai il promettente 14enne si sta avviando verso la quarantina e tutti lo danno sul viale del tramonto. Ralph comunque non molla e passa alle 1/10 Touring, più interessanti commercialmente e più simili alle elettriche con cui ha mietuto titoli e raffica.
Dopo una carrellata di 30 anni, arriviamo al 2010, epoca “moderna”. Pista di Houston, ideale per chi proviene dal mondo “nervoso” delle elettriche. Bisogna avere esperienza e riflessi. Ralph deve battere concorrenti che potrebbero tranquillamente essere suoi figli. Buona parte dei finalisti non era neppure nata quando Ralph frequentava le sue prime finali internazionali.
http://www.automodellismo.net/media/2010_IFMAR_Houston_Finalist.jpg
I dieci Finalisti di Houston 2010,
Burch è sempre stato” veloce”, ma mai “regolare”. Efficacissimo sui 5 minuti, meno sulla lunga distanza. Ecco perché di tante finali, spesso terminate anzitempo. Adesso la sua velocità non è più quella di una volta e la regolarità non è mai stata un suo punto di forza.
In qualifica centra un “miracoloso” 4° tempo, davanti a tanti ragazzini terribili. Ma in finale cosa potrà fare? A 43 anni una finale è comunque un successo. Magari un 10 posto… Il canto del cigno.
Tutti si aspettano l’emergente Pietsch o l’esperto Shimo. C’è chi punta sul Pluri-Iridato Rheinard e chi sul concreto Wischnewski. Terauchi, Yokoyama e Matsuda sono gli adolescenti terribili (come Ralph nel 1981). Anche pensando agli americani, Swauger è sicuramente più quotato. Ralph “non se lo fuma nessuno”. Ma per un giorno Burch dimentica di avere 43 anni, dimentica di aver fallito molte occasioni, dimentica di non essere più così veloce. Dimentica molte cose, ma improvvisamente si ricorda come si fa a vincere. Bisogna fare più giri di tutti. Una regola semplice, che spesso ha ignorato. Non bisogna allagare la ricevente con la miscela. Non bisogna “stampare” la macchina sui muretti. Non bisogna bruciare candele. Non bisogna rimanere senza benzina. Se per 60 minuti non fai errori e non hai intoppi, un gradino del podio te lo giochi. Se sei un campione, anche se un poco “datato”, forse riesci a prendere l’ennesimo e forse ultimo treno per vincere il titolo che sognavi da quando eri bambino. Ogni tanto i sogni si avverano, e se aspetti da 30 anni, il titolo “alla carriera” lo meriti anche.http://www.automodellismo.net/media/Ralph_2010.jpg
Ralph Burch Campione del Mondo 2010

 

WC IFMAR 2010 - 1/10 IC - Houston - Classifica Finale Ufficiale
PosNumCognomeNomeNazModelloMotoreGommeRadioCarrozzeriaGiriMinSecGiro
Medio
14BurchRalphUSAXray NT1MaxPowerCapricornKOSRC Cruzer19860     9,20018,228
25TerauchiTakehiroJapMugen MTX4NovarossiZac ProjectSanwaBlitz19760     2,70018,288
39RheinardMarcGerSheperd V10NovarossiContactSanwaProtoform P5619660     2,10018,378
43YokoyamaShinnosukeJapXray NT1OSXceedSanwaXceed Cruzer19460   19,50018,657
58WischnewskiDirkGerXray NT1OrcanMatrixSanwaSRC Cruzer19160     4,10018,870
610WoodburyPhilipAusMugen MTX4NovarossiMatrixFutabaProtoform P5618860     5,60019,179
76MatsudaTakumiJapSerpent 733MegaXceedSanwaXceed Audi18660     5,60019,385
82ShimoTakaakiJapKyosho Vone RRROSActiveFutabaSRC Cruzer14647   49,75419,656
97SwaugerMikeUSAMugen MTX4NovarossiEnnetiAirtronicsXceed Cruzer13345   54,42520,710
101PietschRobertGerMugen MTX4NovarossiMatrixSanwaSRC Cruzer174   52,35417,197

 StampaStampaEmail Invia ad un amicoOpinione Dai la tua opinionePreferiti Preferiti
 

Pagine piu' visitate
 Automodellismo.net
 Modelli 1/10 Pista
 Competizioni 1/8
 La storia On Road
 Competizioni 1/10
Suggerimenti
Un uomo debole ha dei dubbi prima di decidere, un uomo forte li ha dopo aver deciso.
- Karl Kraus -
Copyright 2005 © IT Information Technologies P.IVA 01550740383 - All rights reserved - Powered by IT - Information Technologies

Privacy Policy