Automodellismo.Net il portale degli automodellisti
 Home  Registrati  News  Forum  Download  Mappa 
Regolamenti La storia Dai lettori Off Road/Rally/Moto 
Automodellismo
 Automodellismo.net
 Risorse On Line
 L'automodellismo
 Interviste
 Editoriali
 La redazione
On Road a Scoppio
 Classic / Rigida
 Competizioni 1/10
 Competizioni 1/5
 Competizioni 1/8
 Modelli 1/10 Pista
 Modelli 1/5
 Modelli 1/8 Pista
L'angolo Tecnico
 I segreti delle miscele
 Il radiologo
 Dizionario Tecnico
 Carrozzerie
 Il gommista
 Il motorista
 Il telaista
Elettrico
 Slot
 1/12
 Off Road 1/10
 Mini 1/24 e Micro 1/18
 1/10 Touring 190mm
Newsletter

media/News4.gif 
Iscriviti alla nostra Newsletter Gratuita

News

    media/News5.gif   

Collaboratori
Automodellismo.net cerca collaboratori per completare la redazione; contattare la redazione
Login
 
 
 
  

 Password dimenticata?
Ora sei in: La storia > La storia On Road > Mondiali 1/8 Pista > 1985 - Tokio: Roem vince, OPS domina
Mondiali 1/8 Pista
1985 - Tokio: Roem vince, OPS domina
Roem regala il titolo alla Serpent Quattro/OPS. Seconda a sorpresa la Kyosho "rigida" 4WD di Koma. Otto OPS in finale. Velocissimo Burch. Nessun italiano in finale.Il Mondiale giapponense non è particolarmente brillante per l'Italia visto che nessun nostro portacolori raggiunge la finale: il migliore dei nostri è il funambolo Stefano Calpista, pollice pesante della SG/OPS, ma si ferma a un pelo della finale (sarà undicesimo). Fra i semifinalisti anche un giovanissimo Domenico Calce (15°, SG/Novarossi) e Roberto Pezzini (24°, Serpent/Picco).
Giornate amare anche per la SG che non riesce a piazzare neppure una macchina in finale. Le MK4 della casa bolognese sono state le prime auto 4WD prodotte in serie, ma qui in giappone tutti gli avversari presentano un modello a trazione integrale e molti, corsi ai ripari con la soluzione delle 3 cinghie montate su modelli nati a 2WD, si sono rivelati più competitivi della soluzione cardanica innovativa della SG. A questo si aggiunge una scelta di plastiche forse troppo morbide rispetto agli avversari che sul gommatissimo tracciato nipponico sfruttano plastiche decisamente più rigide per le sospensioni, Serpent Quattro in testa. Anche sul la to motoristico non sono tutte rose e fiori: Novarossi, Picco e Rossi reiscono ad arrivare fino alle semifinali, ma nessuno entrerà nella Top Ten.
Se buona parte dell'Italia modellistica piange, c'è comunque chi fatica a nascondere una giusta soddisfazione: il Mondiale di Tokyo è indelebilmente marchiato OPS; qualche numero per rappresentare un trionfo:
  • poco più del 40% dei piloti portano in gara un OPS
  • tutti i 4 finalisti diretti sono spinti da un OPS
  • 13 dei primi 24 (finalisti più semifinalisti) guidano un OPS (55%)
  • 8 dei 10 finalisti (80%) hanno come propulsore un OPS (solo le 2 Kyosho sono motorizzate OS)
  • Il Campione del Mondo Roem (così come 8 dei primi 9) è motorizzato OPS
Se il dominio degli OPS è innegabile, meno chiara è la situazione dei modelli con 3 diverse case che possono, a qualche titolo, festeggiare. La Serpent torna dal Giappone con una Pole Position e un Titolo Mondiale nelle tasche di Rody Roem. E' l'inizio del mito olandese, completato dalla presenza in finale di Peter Bervoets (addirittura a podio) e Ron Ton, ovvero i fondatori della BerTon, casa costruttrice delle Serpent. Soddisfazione anche per la Kyosho che sfiora il colpaccio con una originalissima 4wd Semi-Rigida nell'epoca delle sospensioni indipendenti: Koma è sul podio, forse contro ogni previsione. Non si dispera neppure la Associated che piazza 4 auto in finale ed addirittura 3 in finale diretta; l'ora della verità non è a favore degli americani, ma le capacità velocistiche del modello a stelle e striscia non si discute.
Appuntamento al 1987 per la rivincita
Claudio Cristofori

5° Mondiale IFMAR 1/8 Pista Tokio '85 - Top Qualifier dopo le batterie
PosPilotaNazioneAutoMotore
1Rodi RoemOlandaSerpentOPS
2Ralph Burch Jr.USAAssociatedOPS
3Gari KyesUSAAssociatedOPS
4Gil Losi Jr.USAAssociatedOPS



5° Mondiale IFMAR 1/8 Pista Tokio '85 - Finale
PosPilotaNazioneGiriTempoAutoMotore
1Rodi RoemOlanda1471:00:02,7SerpentOPS
2Junichi KomaGiappone1461:00:13,5Kyosho OS
3Peter BervoetsOlanda1451:00:22,2SerpentOPS
4Gil Losi Jr.USA1441:00:04,7AssociatedOPS
5Curtis HustingUSA1391:00:07,5AssociatedOPS
6Ralph Burch Jr.USA1361:00:24,0AssociatedOPS
7Gari KyesUSA1351:00:03,3AssociatedOPS
8Naoki IshiharaGiappone1321:00:15,7PBOPS
9Ron TonOlanda1261:00:20,0SerpentOPS
10Kiyokathu KishiGiappone1211:00:02,0KyoshoOS



media/Serpent_Quattro_1985.jpg
La Serpent Quattro del 1985 che porterà Roem al titolo mondiale 
(Collezione Osvaldo "Lallo" Balestri).

Classifica dei Semifinalisti (dal 11° al 24°)
PosPilotaNazioneModelloMotore
11Stefano CalpistaItaliaSGOPS
12Yugi TakagiGiapponeSerpentNovarossi
13Dama SheltzerUSAAssociatedRossi
14Bill JawasUSAAssociatedOPS
15Domenico CalceItaliaSGNovarossi
16Tomonori HasegawaGiapponeKyoshoOS
17Jackob BuehlerSvizzeraSerpentOPS
18David LecatFranciaPBNovarossi
19Takahasi IshijimaGiapponeDeltaOPS
20Romano GarbaniSvizzeraPBOPS
21Art CarbonellUSADeltaPicco
22Kathunori KondohGiapponeKyoshoOS
23Maurizio BusnardoVenezuelaSGNovarossi
24Roberto PezziniItaliaSerpentPicco



media/Car_Kyosho Fantom Expert 3P-4WD 1985.jpg
La Kyosho Fantom Expert 3P-4WD del 1985.
E' la prima auto al mondo a abbinare la trazione integrale a delle sospensioni a 3 Punti (Semi-rigida mentre i concorrenti hanno le sospensioni indipendenti). La Sospensione posteriore era dotata anche di ammortizzatori.

Statistiche Motoristiche Tokyo 1985
MotoreTotale%Nei Primi 24%Nei Primi 10%
OPS4041,241354,17880,00
OS1818,56416,67220,00
Novarossi1717,53416,6700,00
Picco99,2828,3300,00
Mondial77,2200,0000,00
Mantua22,0600,0000,00
Rossi22,0614,1700,00
CMB11,0300,0000,00
KB11,0300,0000,00
Totale97

Suggerimenti
Agli stupidi non capita mai di pensare che il merito e la buona sorte sono strettamente correlati. 
- Johann Wolfgang Goethe -
Copyright 2005 © IT Information Technologies P.IVA 01550740383 - All rights reserved - Powered by IT - Information Technologies

Privacy Policy