Automodellismo.Net il portale degli automodellisti
 Home  Registrati  News  Forum  Download  Mappa 
Regolamenti La storia Dai lettori Off Road/Rally/Moto 
Ricerca
 
  
Automodellismo
 Automodellismo.net
 Risorse On Line
 L'automodellismo
 Interviste
 Editoriali
 La redazione
On Road a Scoppio
 Classic / Rigida
 Competizioni 1/10
 Competizioni 1/5
 Competizioni 1/8
 Modelli 1/10 Pista
 Modelli 1/5
 Modelli 1/8 Pista
L'angolo Tecnico
 I segreti delle miscele
 Il radiologo
 Dizionario Tecnico
 Carrozzerie
 Il gommista
 Il motorista
 Il telaista
Elettrico
 Slot
 1/12
 Off Road 1/10
 Mini 1/24 e Micro 1/18
 1/10 Touring 190mm
Newsletter

media/News4.gif 
Iscriviti alla nostra Newsletter Gratuita

News

    media/News5.gif   

Collaboratori
Automodellismo.net cerca collaboratori per completare la redazione; contattare la redazione
Login
 
 
 
  

 Password dimenticata?
Ora sei in: L'angolo Tecnico > Il gommista > Fattori condizionanti
Il gommista
Fattori condizionanti
Partiamo da un presupposto fondamentale: _"Non esistono gomme perfette per ogni condizione di utilizzo, anche se, purtroppo, esistono gomme universalmente inefficenti.”_ Il comportamento della gomma e' influenzato da molti fattori esterni; andiamo ad esaminarne alcuni. 1) Le condizioni atmosferiche e climatiche: oltre alla fondamentale ed evidente differenza fra gomme da asciutto (slick in spugna), da umido e da bagnato (rain in gomma), vi sono mescole che si adattano meglio a date temperature. Generalmente si può affermare che le gomme invernali, per temperature artiche, sono più morbide di quelle estive-equatoriali.
2) Lo stato e le caratteristiche della pista: un importantissimo fattore è quello dello stato della pista; il tipo di asfalto e, soprattutto, la gommatura (o al contrario lo sporco) cambiano radicalmente le carte in tavola; le mescole adatte ad un piazzale sono solitamente disastrose sulle piste molto gommate e viceversa.
3) La categoria in cui si corre: le esigenze di una 4WD sono molto diverse da quelle di una 2WD; queste ultime hanno una necessità molto più spiccata di grip in accelerazione, dovendo scaricare tutta la potenza sulle sole ruote posteriori: la tendenza sovrasterzante deve essere bilanciata da gomme ad alta aderenza, generalmente più morbide di quelle utilizzate dalle quattro ruote motrici.
4) L'automodello: le diverse impostazioni telaistiche adottate dai costruttori portano a scelte diverse anche per quanto riguarda la gommatura.
5) Il pollice del pilota: pur con le stesse premesse per quanto riguarda i parametri sopraelencati, lo stile di guida o la classe di un pilota possono far preferire un tipo di gomma ad un'altra.
Eventi
<<JANUARY 2021 >>
SMTWTFS
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
Suggerimenti
Non c'è strada che porti alla felicità: la felicità è la strada.
- Gautama Buddha -
Copyright 2005 © IT Information Technologies P.IVA 01550740383 - All rights reserved - Powered by IT - Information Technologies

Privacy Policy